Parigi Brest ParigiLa randonnée Parigi Brest Parigi è una di quelle sfide che ti rimangono dentro. 1.230km di fatica, sudore ed emozioni e appena 90 ore per completare il percorso. Di certo non si tratta di un'avventura per pivellini e per partecipare bisogna prepararsi al meglio, a partire dalla qualificazione.

Se ti piacciono le sfide e vuoi imbarcarti in quest'avventura, sei nel posto giusto. Ti spiegherò i passaggi salienti che ti condurranno ad affrontare questo percorso difficile ed affascinante tra le colline francesi.

Se riuscirai a qualificarti, vivrai un'esperienza unica insieme ad altri 5999 partecipanti, altrettanto folli e innamorati di questo meraviglioso sport che è il ciclismo.

Parigi Brest Parigi: percorso da affrontare

Parigi Brest Parigi PercorsoLa randonnée Parigi Brest Parigi ha inizio proprio nella capitale francese, dove i ciclisti partono a scaglioni. Il sito web ufficiale della competizione non viene aggiornato dal 2015 e non è facile reperire informazioni dettagliate sul percorso.

Da diversi anni non ci sono stati molti cambiamenti e il tragitto è rimasto lo stesso. Quella che vedi accanto è una vecchia mappa della randonnée, ma può ancora considerarsi attuale. Del resto anche il percorso ufficiale può prevedere delle piccole deviazioni per questioni organizzative.

Velodromo di Saint Quentin en Yvelines

La partenza della Parigi Brest Parigi è al Velodromo di Saint Quentin, dove i ciclisti vengono smistati in base allo scaglione assegnato. Qui troverai un'atmosfera molto calda: la tensione sarà palpabile, ma il clima di condivisione e amicizia che caratterizza questa gara, ti darà la carica per iniziare nel migliore dei modi.

Durante i 1230 chilometri che hai davanti, troverai diversi controlli (più o meno uno ogni 60-80 chilometri) e vari punti per rifocillare i partecipanti, con docce e dormitori per recuperare brevemente le energie. Hai soltanto 4 giorni e 4 notti per completare tutto il percorso e le soste saranno brevi, ma la voglia di farcela ti aiuterà a rimetterti in sella e superare la stanchezza.

Lungo il percorso della Parigi Brest Parigi si toccano diversi comuni, dove sono collocati alcuni dei controlli. Le città che incontrerai nell'itinerario sono:

  • Parigi
  • Dreux
  • Mortagne-au-Perche
  • Villaines-la-Juhel
  • Fougères
  • Tinténiac
  • Quédillac
  • Loudéac
  • Saint Nicolas du Pélem
  • Carhaix
  • Brest.

Ponte dell'Iroise a Brest

Raggiunta la città di Brest, sulla costa atlantica, sei arrivato al tuo giro di boa. È uno dei traguardi più importanti di tutta la randonnée e la vista dello scenografico ponte dell'Iroise ti regalerà un'emozione fortissima.

Ti aspettano ancora tanti chilometri davanti, ma qui troverai una nuova energia. La seconda parte del tragitto sarà quella più difficile: la mancanza di sonno, qualche acciacco e i muscoli indolenziti saranno alcune della sfide che dovrai affrontare, ma il pensiero di raggiungere la meta e unirti agli altri vincitori, ti farà superare ogni cosa.

Come partecipare alla Parigi Brest Parigi

La Parigi Brest è una delle randonnée più belle del mondo e i ciclisti accorrono da ogni parte del globo. Ti troverai a pedalare a fianco di americani, australiani e partecipanti provenienti da tutta Europa. Saranno numerosi anche gli italiani e avrai modo di incontrarli anche durante il percorso che ti porterà alla qualificazione.

Per partecipare alla Parigi Brest Parigi devi aver conseguito 4 brevetti nei 6 mesi che precedono l'evento, che avrà luogo tra il 18 e il 22 agosto 2019. Ecco in sintesi i 4 brevetti necessari per partecipare:

  • un brevetto da 200km da conseguire tra il 23 febbraio e il 13 marzo;
  • un brevetto da 300km da conseguire tra il 6 aprile e il 26 maggio;
  • un brevetto da 400km da conseguire tra il 20 aprile e il 2 giugno;
  • un brevetto da 600km da conseguire tra il 4 maggio e il 30 giugno.

 

I posti da assegnare sono solo 6.000 e chi vuole essere certo di partecipare, può sfruttare i brevetti conseguiti nel 2018 per pre-registrarsi prima degli altri:

  • chi ha conseguito un brevetto da 1.000km o superiore può pre-registrarsi a partire dal 14 gennaio 2019;
  • chi ha conseguito un brevetto da 600km può pre-registrarsi a partire dal 28 gennaio 2019;
  • chi ha ottenuto un brevetto da 400km può fare la pre-registrazione a partire dall'11 febbraio 2019;
  • chi ha ottenuto un brevetto da 300km può fare la pre-registrazione a partire dal 25 febbraio 2019;
  • chi ha conseguito un brevetto da 200km può fare la pre-registrazione a partire dall'11 marzo 2019.

 

Quindi il brevetto 2018 che prevede la distanza più lunga, offre maggiori possibilità di rientrare tra i 6.000 partecipanti rispetto a un brevetto di soli 200 chilometri. La Parigi Brest Parigi è considerata come l'olimpiade del ciclismo ed è per questo che è così ambita, quindi può essere utile giocare d'anticipo.

Chi ha ottenuto un brevetto nel 2018 può pre-registrarsi dall'1 al 18 giugno 2019 e può fare la pre-registrazione ancor prima di aver conseguito tutti i brevetti necessari. I numeri di omologazione relativi ai brevetti mancanti saranno comunicati in un secondo momento. Dopo il 18 giugno si perde la priorità prevista dalla pre-registrazione.

La iscrizioni si concludono definitivamente il 3 luglio 2019, ma non è escluso che per quella data siano stati assegnati tutti i 6.000 posti disponibili.

Come prepararsi per la Parigi Brest Parigi

La Parigi Brest è una gara di resistenza e come tale va affrontata. Per cogliere appieno lo spirito di questa randonnée, bisogna però capire che non è una sfida con gli altri, ma con se stessi. Sebbene chi taglia per primo il traguardo sia considerato il vincitore, in realtà tutti i valorosi che completano il percorso entro le 90 ore possono considerarsi vincitori e ricevono tutti la stessa medaglia.

La preparazione ottimale della randonnée attraversa diverse fasi. Ognuna di queste ti permetterà di raggiungere la forma fisica ideale e anche la giusta motivazione in attesa del grande evento.

Un anno prima

Ciclocomputer con altimetro XLC BV-W03 wirelessIn questa fase gli sforzi fisici devono essere di lieve intensità. Non bisogna smettere di pedalare, ma è bene privilegiare un ritmo rilassante e senza eccessi. È il momento ideale per curare l'alimentazione e attenzionare i piccoli acciacchi.

Durante gli allenamenti può essere utile usare un cardiofrequenzimetro e un ciclocomputer per monitorare la cadenza della pedalata, come quello in foto.

Sei mei prima

È adesso che inizia il lavoro aerobico per migliorare la resistenza. Gli allenamenti in gruppo con ciclisti dello stesso livello, terranno alta la motivazione e il ritmo ideale è tra 85 o 90 pedalate al minuto.

In questo periodo si concentrano i brevetti per la qualificazione, ma è importante non strafare. Se un brevetto da 1.000km ti permette di anticipare la registrazione, potrebbe anche portare ad un'eccessiva stanchezza o ad un calo della motivazione.

Uno o due mesi prima

Adesso puoi concederti delle pause di una settimana o poco più tra un allenamento e l'altro. Non fare mai mancare il sonno e cura molto bene l'alimentazione. Evita le lunghe distanze, in questa fase devi solo mantenere la resistenza che hai acquisito nei mesi precedenti.

Le uscite di allenamento dovrebbero avere una durata non superiore a 2 ore, che ti serviranno a lavorare su potenza e velocità. Uno dei metodi più consigliati è quello dell'interval training, in cui si alternano scatti e recupero attivo.

Giorno zero

Finalmente è arrivato il momento tanto atteso. Se ti sei allenato a dovere, porterai a termine l'impresa della Parigi Brest Parigi. Non resta che un ultimo suggerimento: goditi ogni pedalata e ogni metro percorso lungo le colline francesi!